Elucubrazioni, recensioni, curiosità varie sui miei film, registi, romanzi e scrittori preferiti.

giovedì 5 febbraio 2015

TERMINATOR VS ALIEN(S) VS PREDATOR

Eccomi di nuovo.
Oggi sono in vena di curiosità cinematografiche, quindi comincio subito.

Cosa hanno in comune queste 3 famose saghe di Hollywood?


Be', ci sono 2 attori che hanno preso parte in almeno un film della serie di Terminator, Alien e Predator.
Nel primo Terminator abbiamo uno sconosciuto Bill Paxton, che interpreta uno dei punk a cui il Cyborg proveniente dal futuro ruberà i vestiti.
Lo stesso Bill Paxton (attore caratterista che adoro, tra l'altro) in Aliens-sontro finale è il soldato Hudson, quello apparentemente indisciplinato e codardo e che, ovviamente, farà una brutta fine riuscendo a riscattarsi.
Poi c'è Predator 2, in cui Paxton interpreta il poliziotto spaccone e chiacchierone Jerry Lambert.
Anche in questo film il suo personaggio sarà destinato a perire per mano aliena, in modo eroico però.

Bill Paxton


Passiamo ora al secondo attore che compare in tutte e tre  le famose saghe.
Sto parlando di Lance Henriksen.
Anche lui grande amico del regista James Cameron fin dai tempi di Piranha Paura, fu scelto in origine per ricoprire il ruolo del Terminator; accettò poi amichevolmente di farsi da parte quando un certo Arnold Schwarzenegger si offrì di interpretare il cyborg assassino.
Quindi Cameron gli diede poi la parte di uno dei detectives che si ritroveranno ad affrontare la macchina proveniente dal futuro nel distretto di polizia raso al suolo dal Terminator stesso.
Cameron però lo richiama per il suo film successivo: Aliens-Scontro finale.
Henriksen diventa così  l'androide Bishop (un altro cyborg, guarda caso); memorabile  la scena in cui viene tranciato in due dalla regina Alien e salva la piccola Newt dal risucchio del vuoto spaziale afferrandola con la parte superiore del corpo.
(Scena che sul grande schermo svela in modo quasi clamoroso il buco sotto il set  usato per nascondere le gambe dell'attore.)
Henriksen tornerà anche nel terzo capitolo di Alien in un doppio ruolo, ovvero quello dello stesso androide della pellicola di Cameron e quello di Michael Bishop, colui che ha progettato il robot dalle fattezza umane e a cui ha dato aspetto e nome.
Veniamo ora al film che collegherà la saga di Alien con quella di Predator: il non ben riuscito Alien VS. Predator,  derivato da un fumetto, che a sua volta ha preso spunto da una scena di Predator 2 in cui, nell'astronave del predatore, tra i vari trofei, compariva un cranio di un Alien.
In questa pellicola Henriksen è Charles Bishop Weyland, il fondatore dell'oscura società dei primi capitoli di Alien. Weylan si ritroverà ad affrontare uno dei Predator del film e verrà liquidato piuttosto velocemente. Una parte non del tutto riuscita, messa lì solo per avere Henriksen nel cast, secondo me. Un'occasione sprecata.


Lance Henriksen


Ovviamente poi c'è Schwarzenegger. il Terminator originale, che in Predator interpreta  il maggiore "Dutch", colui che riuscirà a sconfiggere l'alieno predatore con la faccia da granchio!

Ma i cortocircuiti tra i vari film non sono ancora finiti.
Il curatore degli effetti speciali dei primi due Terminator, dei primi due Predator e del secondo Alien(s), è il compianto Stan Winston. 


Stan Winston


A  tal proposito, fu proprio lui a disegnare il look del Predator, ma Winston stesso rivelò che le zanne del predatore furono un'idea di James Cameron, col quale si trovava mentre provava a disegnare alcuni schizzi preparatori. Winston era entrato nel cast tecnico di Predator a film iniziato, dopo che il primo costume dell'alieno si era rivelato un disastro. Fu lo stesso Schwarzenegger a fare il suo nome alla produzione.

Alcuni di voi si chiederanno come mai io abbia usato la locandina di ALIENS-Scontro finale e non quella del primo ALIEN di Ridley Scott...
L'ho fatto volutamente per un semplice motivo: per me il sequel di Cameron è il miglior film dell'intera saga. Supera, anche se di poco, pure il suo predecessore.
Molti voi, sono sicuro, non saranno d'accordo ma pazienza. Nessuno (io) è perfetto.

Alla prossima.






Nessun commento:

Posta un commento